Trisottica, passione per la qualità

I numeri: 5 soci, 3 unità produttive, oltre 100 dipendenti, 700.000 occhiali prodotti all’anno.
Le persone: Mario Righes, Ruggero Stramare, Antonio Corrado, Luca Meneghin e Caterino Coppe..

Il nome TRIS OTTICA deriva dalle origini. Nel 1991 Antonio, Caterino e Ruggero, decidono di investire in qualcosa di proprio e fondano l’azienda a Segusino. Si aggiunge un quarto socio, Luca, che con la sua esperienza nella gestione informatica completa la rosa. Nel 1998 l’ingresso di Mario, il frontman.
Mario Righes ha un trascorso come responsabile di reparto acetato in Luxottica, capo tecnico di produzione in De Rigo, direttore di produzione in Lastes e AD di Lozza.
La passione per il lavoro, la ricerca dell’eccellenza, le sfide qualitative, ma soprattutto la coesione umana e il rispetto reciproco, sono il segreto di questo “miracolo” che tiene insieme i 5 soci da più di vent’anni.
Nel tempo hanno bussato alla porta di Tris Ottica aziende grandi e piccole. Ognuna di esse ha posto sfide produttive alle quali Tris Ottica non si è mai sottratta e l’aver speso energie per risolvere problemi costruttivi è stato il segreto che ha determinato lo sviluppo dell’azienda.
La crescita costante fino al successo di oggi sono frutto dell’investimento, forse il più importante, sul capitale umano. Nel 2011 l’acquisizione di Vecellio ad Auronzo di Cadore, significa proprio questo.
Ha rappresentato il salvataggio di un gruppo di persone con competenze straordinarie. Un enorme valore. Perché sono le persone che fanno un’azienda!
Nel 2017 l’apertura del nuovo insediamento produttivo a Segusino. La vicinanza alla sede storica permette di seguire tutte le fasi più complesse per la produzione di nuovi prodotti, mentre alla sede di Auronzo si destina quello che diventa standard.
Sono quasi settecentomila i pezzi prodotti ogni anno, con standard qualitativi in costante crescita. Trisottica si impone un’organizzazione che la cautela da quei picchi verso il basso o verso l’alto che normalmente mettono le aziende sotto stress.
I successi, ma anche gli insuccessi, nel trovare soluzioni ai problemi tecnici, le hanno permesso di sviluppare competenze e capacità con l’ausilio delle tecnologie migliori.
La tecnica dell’incollaggio è quella studiata più a fondo e oggi possono dire di essere diventati bravi!

L’ultimo e più recente capitolo è la creazione del proprio brand LAMARCA EYEWEAR.
E’ tutto spiegato nel payoff del logo, visione e sentimento.
Lamarca è una collezione ambiziosa e contiene soluzioni costruttive inedite.
Oggi rappresenta una delle collezioni in acetato più originali nella fascia medio-alta.
“La difficoltà più grande – ci dice Mario Righes – è stata quella di realizzare un design che fosse totalmente diverso da quello dei nostri Clienti. Operazione non semplice! Sono 6 le famiglie di prodotto, ognuna con caratteristiche diverse e rappresentative di 6 lavorazioni in cui Tris Ottica eccelle.
Lamarca è presente nei maggiori Paesi europei oltre che Stati Uniti, Canada e Brasile.
Il sentimento citato nel payoff spiega la passione, la coesione professionale, l’unità di visione e il rispetto per il lavoro di tutti, principii fondanti dii Trisottica la cui solidità consente una serena visione del futuro.